Autore: Jack Phillips

(Photo by Raigo PAJULA / AFP)

The Epoch Times, 2 febbraio 2022 – Il primo ministro finlandese Marin ha annunciato lunedì (31 gennaio) che la Finlandia eliminerà tutte le restrizioni COVID-19 entro metà febbraio. Inoltre, negli ultimi giorni molti paesi europei hanno anche iniziato ad allentare le misure di prevenzione delle epidemie.

Secondo il sito di notizie finlandese YLE, il primo ministro Sanna Marin ha detto ai giornalisti che dal 1 febbraio alcune restrizioni sull’epidemia di COVID-19 saranno allentate questa settimana, tra cui: Restrizioni su ristoranti e impianti sportivi.

La revoca delle restrizioni dovrebbe essere fatta in modo graduale, ha affermato Marin. In un evento con i giornalisti, Marin ha affermato che l’epidemia di COVID-19 pone ancora un “onere relativamente elevato per le risorse ospedaliere, ed è per questo che spero di essere in grado di motivare rapidamente l’abbandono”.

Nel frattempo, il ministro della Giustizia finlandese Anna-Maja Henriksson ha anche affermato che il passaporto per il vaccino COVID-19 attualmente in fase di attuazione è irragionevole.

Henriksson ha espresso martedì (1 febbraio): “Il passaporto epidemico limita i diritti fondamentali di coloro che non sono stati vaccinati, che non hanno ricevuto un risultato negativo al test o che hanno la malattia. In questo contesto, l’attuazione del passaporto del vaccino è inadatta perché ora è difficile giustificarne la necessità e la proporzionalità.”

La Finlandia si unisce ai ranghi del Regno Unito, Danimarca e Irlanda. Tutti questi paesi hanno annunciato l’allentamento o la revoca delle restrizioni COVID-19, come i mandati di maschere o i passaporti per i vaccini COVID-19.

“Nessuno sa cosa accadrà il prossimo dicembre”, ha detto lunedì alla Galileus Web il ministro della Sanità danese Magnus Heunicke (31 gennaio). “Ma promettiamo ai cittadini danesi che solo quando sarà veramente necessario metteremo in atto delle restrizioni. Elimineremo tali restrizioni il prima possibile, ed è quello che sta succedendo proprio ora”.

Ha anche aggiunto che nei paesi nordici stanno finendo misure come i pass per i vaccini nei ristoranti, bar e altri stabilimenti a causa dell’epidemia di COVID-19, così come l’uso obbligatorio delle maschere all’interno. La Danimarca è il primo paese dell’UE a revocare tutte le restrizioni sul coronavirus.

All’inizio di gennaio, il primo ministro Boris Johnson ha annunciato la revoca di alcune restrizioni dell’Inghilterra relative al COVID-19, come i passaporti per i vaccini, i mandati di mascherine e le restrizioni sul lavoro. I governi scozzese e gallese hanno anche annunciato all’epoca che alcune restrizioni relative all’Omicron sarebbero state revocate, sebbene le precauzioni come l’uso obbligatorio di maschere per interni e i pass per il vaccino COVID sarebbero rimaste in vigore.

“Man mano che i grandi focolai diventano endemici, dobbiamo sostituire le misure normative con consigli e linee guida che esortino le persone infette dal virus a essere attente e rispettose degli altri”, ha affermato Johnson a metà gennaio.

Pochi giorni dopo, la dirigenza della Repubblica d’Irlanda ha anche annunciato la revoca delle misure preventive come certificati di vaccinazione, distanziamento sociale, limiti di capacità indoor e coprifuoco.

Il primo ministro irlandese Micheal Martin ha spiegato: “Gli esseri umani sono animali sociali e noi irlandesi siamo più socievoli della maggior parte degli altri. Mentre attendiamo con impazienza questa primavera, dobbiamo poterci rivedere, dobbiamo poter vedere i sorrisi reciproci, dobbiamo essere in grado di cantare di nuovo”.


Traduzione: Xiaobuding
Revisione: Shiyuedehupo

Fonte: https://www.epochtimes.com/b5/22/2/1/n13547448.htm