Autore: NATALIE WINTERS / The National Pulse
Pubblicato: JULY 4, 2021
Traduttrice: Yanhuo
Revisore: xiaobuding

Diversi giudici federali statunitensi, inclusi i giudici della Corte suprema, hanno prestato servizio come visiting professor presso l’Università di Pechino gestita dal Partito comunista cinese, secondo The National Pulse. Gli sforzi sono stati finanziati da gruppi di influenza cinesi che cercavano di costringere “attori stranieri a intraprendere azioni o adottare posizioni a sostegno” delle “politiche preferite” del governo cinese.

L’università con sede a Pechino, guidata da un ex leader dell’agenzia di spionaggio del Partito comunista cinese, ha visto i suoi laureati americani interrogati dal Federal Bureau of Investigation (FBI) per i timori che gli studenti vengano “cooptati dalle forze di spionaggio cinese”.

Tra i sostenitori finanziari della School of Transnational Law (STL) dell’Università di Pechino ci sono anche Thomson Reuters e la China-United States Exchange Foundation (CUSEF), il principale gruppo di influenza del gruppo di propaganda del Fronte Unito del Partito Comunista Cinese.

‘Scuola di diritto transnazionale’.

Secondo la Commissione di revisione dell’economia e della sicurezza USA-Cina, il Fronte Unito cerca di “neutralizzare le fonti di potenziale opposizione alle politiche e all’autorità del suo Partito Comunista Cinese” e “influenzare i governi stranieri e altri attori a intraprendere azioni o adottare posizioni di supporto delle politiche preferite di Pechino”.

Nonostante questi preoccupanti legami, i giudici di vari tribunali statunitensi, tra cui la Corte Suprema e la Corte d’Appello, sono diventati docenti e docenti ospiti mentre prestavano servizio in panchina. Anche gli ex giudici della Corte Suprema del Popolo del Partito Comunista Cinese fanno parte della facoltà della scuola.

Il giudice della Corte Suprema Samuel Alito ha trascorso una ” settimana in residenza ” all’università nel 2016, con un riassunto che rivelava che “ha espresso grazie per la calorosa accoglienza dell’Università di Pechino e della Scuola di Legge e ha espresso grande piacere di visitare la Cina”.

ALITO
2016 LECTURE

Il collega Anthony Kennedy ha pronunciato il discorso di apertura della scuola nel 2008 insieme a Tung Chee-Hwa, fondatore del CUSEF e vicepresidente dell’entità di più alto grado che supervisiona” il Fronte unito cinese:

Guidati dall’ex ministro della giustizia cinese Zou Yu, dall’ex capo dell’esecutivo di Hong Kong Tung Chee-Hwa e dal giudice capo Andrew KN Li della Corte d’appello finale di Hong Kong, un gruppo di importanti giuristi, avvocati e studiosi di diritto di tutto il mondo si riunirà a Shenzhen il 22 ottobre 2008, in occasione dell’inaugurazione della Scuola di diritto transnazionale dell’Università di Pechino (“STL”). Il discorso programmatico della giornata sarà pronunciato dal giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti Anthony Kennedy.

Il National Pulse può anche rivelare che il giudice di circuito senior e giudice capo emerito della Corte d’appello DC Harry Edwards, il giudice di circuito della Corte d’appello per il nono circuito William Fletcher e il giudice di circuito capo della Corte d’appello per il terzo circuito D. Brooks Smith ha prestato servizio come Visiting Lecturer presso la scuola.

Anche la deputata democratica Judy Chu è indicata come uno dei “Distinguished Visitors” di Pechino.

Russel Canan, giudice associato presso la Corte Suprema di Washington, è anche attualmente Visiting Professor presso l’STL di Pechino. Il giudice Frederick Weisberg insegna contemporaneamente alla STL dell’Università di Pechino mentre presta servizio come giudice associato presso la Corte Superiore della DC.

BIO.
BIO.

Il giudice Robert Morin, che è stato promosso dall’ex presidente Barack Obama per diventare giudice capo della Corte Superiore della DC prima di andare in pensione, è stato Visiting Professor presso l’STL dell’Università di Pechino nel 2012.

Morin ha giudicato i casi nel 2018 relativi ai manifestanti inaugurali anti-Donald Trump, mettendo in dubbio la validità dei video di Project Veritas come prove, il che ha portato i pubblici ministeri a far cadere una serie di accuse contro i rivoltosi.

“L’udienza di mercoledì è peggiorata ulteriormente per il governo dopo che i pubblici ministeri hanno annunciato che avrebbero abbandonato i sette casi e archiviato diverse accuse contro altri tre imputati rimasti. Il giudice capo della Corte Superiore della DC, Robert Morin, ha affermato che i pubblici ministeri hanno commesso un errore non rivelando l’esistenza dei video aggiuntivi del Project Veritas alla difesa e al giudice. Morin ha messo in dubbio che il procuratore capo, l’assistente procuratore degli Stati Uniti Jennifer Kerkhoff, gli avesse fornito informazioni false, in quanto gli aveva detto in una precedente udienza che c’era un video”, ha riassunto un rapporto di Buzzfeed.

Gerald Fisher, un altro giudice associato della DC, in precedenza ha prestato servizio come distinto giurista in visita presso l’STL dell’Università di Pechino nel 2012 e 2014.

La notizia avvalora ulteriormente l’ipotesi che moltissime figure politiche statunitensi di alto profilo siano già state oggetto di intensi sforzi di propaganda da parte del Partito Comunista Cinese: un fenomeno noto come “cattura d’élite”.

Fonte


Post: Ana