Fonte: The Economic Times
Ultimo aggiornamento: 16 aprile 2021
Traduttrice: Ana

La Cina ha reso operativa la sua nuova legge sulla bio-sicurezza per fortificare la copertura legale per l’istituzione e il funzionamento sicuro di più laboratori biologici nel paese, tra le domande se il COVID-19 (il virus del Partito Comunista Cinese) ha avuto origine da un tale laboratorio a Wuhan. 

Il coronavirus è emerso nella città centrale cinese di Wuhan nel dicembre 2019 ed è diventato una pandemia, sconvolgendo la vita in tutto il mondo. 

Con la nuova legge sulla bio-sicurezza, la Cina continuerà a costruire e approvare più laboratori specializzati in microbiologia patogena avanzata con un modo scrupoloso e scientifico, ha detto il vice ministro della scienza e della tecnologia del paese Xiang Libin. 

La Cina condurrà importanti ricerche scientifiche per migliorare la sua scienza della bio-sicurezza e la sua capacità tecnologica contro le future malattie infettive, ha detto Xiang (il Global Times del Partito Comunista Cinese ha citato).

Il ministero ha esaminato e approvato la costruzione di tre laboratori di bio-sicurezza livello 4, o laboratori P4, e 88 laboratori di bio-sicurezza livello 3, o laboratori P3, in Cina, ha detto. 

Un livello di bio-sicurezza (BSL), o livello patogeno/protezione, è un insieme di precauzioni di bio-contenimento necessarie per isolare gli agenti biologici pericolosi in una struttura di laboratorio chiusa. 

I livelli di contenimento vanno dal più basso livello di bio-sicurezza 1 (BSL-1) al più alto livello 4 (BSL-4). 

Bai Chunli, presidente dell’Accademia cinese delle scienze, ha detto nell’aprile dello scorso anno che la Cina aveva due laboratori P4 oltre a 81 laboratori P3 in funzione o approvati per la costruzione. 

Al contrario, gli Stati Uniti hanno 12 laboratori P4 e 1.500 P3, secondo il rapporto del Global Times. 

I laboratori biologici hanno acquisito importanza in quanto gli Stati Uniti hanno affermato che il COVID-19 potrebbe essere stato prodotto dal Wuhan Institute of Virology (WIV) che è un laboratorio biologico P4. La Cina ha fortemente negato l’accusa. 

Un team di esperti dell’OMS, che ha sondato l’origine del coronavirus, ha concluso il mese scorso che “tutte le ipotesi”, compresa l’affermazione che il COVID-19 avrebbe potuto provenire da un laboratorio biologico, “rimangono aperte”. 

Il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), Tedros Adhanom Ghebreyesus, ricevendo il rapporto del team di esperti internazionali che ha visitato Wuhan, ha detto il 30 marzo che “per quanto riguarda l’OMS, tutte le ipotesi rimangono sul tavolo”. 

“Questo rapporto è un inizio molto importante, ma non è la fine. Non abbiamo ancora trovato la fonte del virus, e dobbiamo continuare a seguire la scienza e non lasciare nulla di intentato”, ha detto. 

Significativamente, Tedros ha detto che il team ha concluso che la fuga di notizie dal WIV come presunto dall’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump è l'”ipotesi meno probabile”, ma richiede ulteriori indagini. 

“La squadra ha anche visitato diversi laboratori a Wuhan e ha considerato la possibilità che il virus sia entrato nella popolazione umana come risultato di un incidente di laboratorio. 

“Tuttavia, non credo che questa valutazione sia stata abbastanza ampia. Ulteriori dati e studi saranno necessari per raggiungere conclusioni più solide”, ha detto Tedros. 

“Anche se il team ha concluso che una fuga di laboratorio è l’ipotesi meno probabile, questo richiede ulteriori indagini, potenzialmente con missioni aggiuntive che coinvolgono esperti specializzati, che sono pronto a schierare”, ha aggiunto il capo dell’OMS. 

Yang Zhanqiu, vice direttore del dipartimento di biologia degli agenti patogeni all’Università di Wuhan, ha detto al Global Times giovedì che la legge sulla bio-sicurezza è una mossa tempestiva per la Cina per dettagliare la costruzione e la gestione dei laboratori di bio-sicurezza e fornire uno scudo legale per i progetti scientifici sulla bio-sicurezza, comprese le malattie infettive, da svolgere in modo scrupoloso e professionale. 

Secondo John Hopkins coronavirus tracker, la Cina ha finora segnalato 102.152 casi e 4.845 morti. Globalmente il contagio ha infettato 139.228.122 persone e ucciso 29.89.103, ha detto. 

Fonte


Revisore: Lorenzo