Quanto ne sai del rapimento di stranieri da parte del PCC?

Commento: Himalaya Toronto Maple Leaf Manpui
Traduttrice: Ana
Revisore:Yanhuo

L’8 febbraio 2021, il sito web di Safeguard Defenders ha riferito della discutibile diplomazia cinese degli ostaggi.

La “diplomazia degli ostaggi” non è un nuovo trucco del PCC. In precedenza, esperti negli studi politici ed economici del PCC e dell’Asia orientale hanno affermato che negli ultimi decenni il governo del PCC ha sempre utilizzato la diplomazia degli ostaggi come merce di scambio per ottenere vantaggi politici ed economici dai paesi occidentali. Il governo comunista cinese sta espandendo l’uso della diplomazia degli ostaggi.

Le vittime della diplomazia degli ostaggi del PCC:

Negli ultimi anni, i cittadini di almeno 12 paesi o regioni – Stati Uniti, Taiwan, Australia, Canada, Giappone, Turchia, Kazakistan, Irlanda, Svezia, Regno Unito, Hong Kong e Belize – sono stati detenuti arbitrariamente in Cina e molti sono stati accusati di aver messo in pericolo la sicurezza nazionale, altri sono intrappolati in enormi campi di concentramento nello Xinjiang.

Australia

Fonte immagine: New York Times /Foto: Cheng Lei

Nell’ottobre 2020, dopo che è stato pubblicato l’ultimo rapporto del sito web sul PCC, “Paesi impopolari”, ora ci sono notizie che un giornalista australiano e l’ospite del China Global Television Network (CGTN), un media cinese gestito dallo stato , Cheng Lei è stata formalmente accusata di “Fornitura illegale di segreti di stato all’estero”. Nell’agosto dello scorso anno, dopo che il rapporto tra il PCC e l’Australia si è deteriorato, Cheng Lei è stato inviato in un luogo designato per la sorveglianza residenziale.

I funzionari consolari australiani si sono incontrati con Cheng Lei il 27 gennaio di quest’anno. Il suo trasferimento da un luogo designato (prigione nera) alla detenzione formale significa almeno che lei non può più essere tenuta in isolamento e almeno legalmente autorizzata a cercare un avvocato. Funzionari australiani hanno detto che il caso non sarà risolto presto e Cheng Lei potrebbe subire mesi o addirittura anni di detenzione.

Fonte Immagine: Getty Image/ Foto: Gui Minhai

Gui Minhai, un cittadino svedese ed editore accusato dello stesso crimine, è stato rapito dalla Thailandia e riportato al PCC nel 2015. Il 25 febbraio 2020 è stato condannato a 10 anni di carcere per “fornitura illegale di servizi di intelligence all’estero”.

Fonte Immagine: RFI, Foto: Yang Hengjun 

Nel gennaio 2019, lo scrittore australiano Yang Hengjun è scomparso nel Partito Comunista Cinese (PCC). Successivamente si è scoperto che era stato collocato in un luogo designato (carcere nero) e successivamente è stato arrestato con l’accusa di spionaggio. Sono emersi nuovi dettagli: gli è stato impedito di incontrare un avvocato, ammanettato e interrogato. Nell’ottobre 2020 è stato ufficialmente accusato di spionaggio. Yang Hengjun, in possesso di un passaporto australiano, è un ex diplomatico del PCC, che ha fatto arrabbiare il PCC per le sue opere a favore della democrazia. Dalla sua detenzione, anche a sua moglie Yuan Xiaoliang (una cittadina cinese con residenza permanente in Australia) è stato vietato di lasciare il PCC.

Foto: Mike Smith (a sinistra) e Bill Bitters (a destra), Fonte Immagine: ABC News

All’inizio di settembre dello scorso anno, dopo che l’ambasciata li aveva avvertiti di andarsene, gli ultimi due giornalisti australiani in Cina sono fuggiti dal Paese. Il PCC ha minacciato un divieto di esportazione a meno che non acconsentisse ad accettare un’inchiesta su un caso di sicurezza nazionale. Bill Birtles, corrispondente della ABC del PCC, e Mike Smith, che lavora con l’Australian Financial Review a Shanghai, si nascondono nell’ambasciatore australiano prima di poter tornare a Sydney e al suo consolato a Shanghai. Sono stati interrogati da funzionari del Ministero della Sicurezza Nazionale relativi al giornalista detenuto Cheng Lei, ma le domande relative alle indagini erano monotone e ordinarie.

Questa potrebbe essere in parte una rappresaglia da fare a caso per i funzionari dell’intelligence australiana e la polizia in un raid di giugno contro l’alloggio australiano di un giornalista cinese. L’inchiesta ha coinvolto la presunta cospirazione di agenti cinesi per influenzare i politici australiani.

Foto: Matthew Carney e sua figlia,  Fonte immagine: South China Morning Post

Matthew Carney, l’ex capo dell’ufficio del PCC della ABC, ha successivamente rivelato pubblicamente come il PCC abbia minacciato di detenere lui e sua figlia di 14 anni nel 2018, costringendolo infine a fuggire con la sua famiglia. Ha detto che questo approccio rappresentava una rappresaglia per la sua segnalazione del campo di rieducazione dello Xinjiang del PCC e di altre storie che al PCC non piacevano, così come per l’introduzione di leggi sull’interferenza straniera rivolte al PCC in Australia.

Prima che a Kani e alla sua famiglia fosse permesso di lasciare il PCC, lui e sua figlia sono stati costretti a registrare la loro confessione di “frode del visto” davanti alla telecamera.

Dal 2017, il PCC è arrabbiato per il fatto che l’Australia abbia accantonato il trattato di estradizione. Nel 2018, l’Australia ha approvato la legge anti-intervento straniero (generalmente considerata come la risposta dell’Australia all’interferenza del PCC negli affari politici nel proprio paese); ha vietato l’uso dell’infrastruttura 5G di Huawei del PCC; e ha lavorato duramente per fermare l’espansione del PCC nel Pacifico .

Anche i dipendenti australiani del colosso minerario Rio Tinto e l’operatore di casinò del Crown Resorts del PCC sono stati arrestati con l’accusa di casi almeno in parte motivati ​​politicamente.

Irlanda

Foto: Richard O’Haroland (a destra) vecchio ritratto di famiglia, Fonte Immagine: EVOKE

L’Irlanda è diventata il nuovo bersaglio diplomatico ostaggio del PCC. Il PCC ha illegalmente impedito all’uomo d’affari irlandese Richard O’Halloran (Richard O’Halloran) di lasciare il PCC per due anni. Il motivo è che la frode di cui è stato accusato non era diretta contro di lui, ma proveniva da una società di locazione di aeromobili irlandese lavorava per il capo del PCC. La pressione e l’interrogatorio del divieto di uscita hanno portato O’Halloran (padre di quattro figli) a essere ricoverato due volte a causa di gravi problemi di salute.

Foto: La famiglia che ha perso il padre ora

Sebbene Richard non abbia commesso un crimine e abbia collaborato con la polizia per fornire prove per il caso contro Min Jiedong, il proprietario della compagnia di servizi di leasing aereo internazionale comunista cinese. Min Jiedong è stato condannato alla prigione del Partito Comunista Cinese per presunta frode. Non è chiaro il motivo per cui non gli è permesso di andarsene anche se il caso è stato chiuso. Lo studioso di diritto Jerome Cohen ha definito la gestione di O’Haroland una “pura rivoluzione culturale” e potrebbe essere il risultato di “compiti di sottomissione assegnati direttamente ai funzionari locali dai funzionari centrali”.

Taiwan

L’anno scorso, quattro cittadini taiwanesi che erano scomparsi in Cina da uno o due anni sono apparsi sulla CCTV dei media del partito del PCC, ammettendo vari crimini legati alla sicurezza nazionale. Entro tre giorni, quattro uomini costretti a confessare la colpa in televisione, alcuni di loro si sono rasati la testa e indossavano giubbotti da prigione per scusarsi con la loro “madrepatria”. La narrazione di Zheng Yuqin è piena di contraddizioni: le accuse secondo cui ha lavorato al Ministero degli Affari Esteri di Taiwan, insegnato alla Charles University nella Repubblica Ceca e servito come assistente dell’ex presidente del DPP, sembrano tutte false. Questa notizia sciatta o parte dell’indifferenza del PCC e dei media di partito sfacciati?

Foto: Li Mengju
Foto: Zheng Yuqin
Foto: Cai Jinshu

Costretti a confessare la colpa in televisione, alcuni di loro si sono rasati la testa e indossavano giubbotti da prigione per scusarsi con la loro “madrepatria”. La narrazione di Zheng Yuqin è piena di contraddizioni: le accuse secondo cui ha lavorato al Ministero degli Affari Esteri di Taiwan, insegnato alla Charles University nella Repubblica Ceca e servito come assistente dell’ex presidente del DPP, sembrano tutte false. Questa notizia sciatta o parte dell’indifferenza del PCC e dei media di partito sfacciati?

Questi casi di confessione forzata non sono stati casuali, perché il primo episodio è stato trasmesso il secondo giorno dopo la festa nazionale di Taiwan.

Nel 2017, Lee Ming-che, un difensore dei diritti umani a Taiwan scomparso nel PCC, è stato condannato per “sovversione del potere statale” e condannato a cinque anni di prigione.

Fonte Immagine : BBC , Foto: Lee Ming-che

Da quando il DPP (Partito Democratico Progressista in Taiwan) è salito al potere nel 2016, circa 67 taiwanesi sono scomparsi in Cina. Prima che il PCC ammettesse che Cai Jinshu era stato arrestato, era stato detenuto e isolato dal mondo esterno per più di un anno, il che ha ricordato alle persone le seguenti domande: quante delle 67 persone scomparse sono in detenzione e quante sono state arrestate per motivi politici.

Inoltre, la Spagna ha estradato 260 cittadini taiwanesi nella Cina continentale nel 2019. Successivamente, diverse persone sono scomparse. Sia gli avvocati spagnoli che i parenti taiwanesi non sono stati in grado di contattarli. Le autorità cinesi non hanno mai raccontato l’accaduto.

In questi casi politicamente motivati, i cittadini taiwanesi sono solitamente accusati di mettere in pericolo la sicurezza nazionale, mentre gli stranieri non taiwanesi sono accusati di spionaggio.

Canada

Il caso di diplomazia degli ostaggi più palese negli ultimi anni si è verificato nel dicembre 2018, quando il Canada ha arrestato il direttore finanziario di Huawei, Meng Wanzhou, in risposta a una richiesta di estradizione degli Stati Uniti, che ha fatto arrabbiare il PCC. In pochi giorni, il PCC ha reagito arrestando due cittadini canadesi, l’ex diplomatico Michael Kovrig e l’uomo d’affari Michael Spavor in un luogo designato (carcere nero) .Questa mossa è generalmente considerata come una tipica diplomazia degli ostaggi.

Foto: Michael Kovrig (a sinistra) e Michael Spavor (a destra), Fonte immagine: VOA

Poiché il caso Meng Wanzhou era ancora sotto forte pressione da parte del PCC, i due Michael hanno continuato a subire abusi. Sono stati formalmente perseguiti nel giugno 2020 per aver messo in pericolo la sicurezza nazionale. Le loro dovute visite consolari sono state così severamente limitate che Kovrig non ha nemmeno saputo dell’epidemia di virus del PCC per mesi.

Alla fine dello scorso anno, il politico canadese cinese Richard Lee ha annunciato pubblicamente di essere stato detenuto per 8 ore all’aeroporto di Shanghai nel 2015. Il suo telefono ufficiale del governo è stato perquisito e accusato di “mettere in pericolo la sicurezza nazionale”. Ha detto che non ne aveva mai parlato prima perché non voleva mettere in pericolo le relazioni Canada-Cina, ma da allora l’intervento del PCC in Canada si è intensificato.

Foto: Li Canming

Per la rabbia che il Canada continua a rifiutare di rilasciare Meng Wanzhou, il PCC lo ha intensificato e ha condannato a morte il canadese Robert Schellenberg, una condanna a 15 anni per traffico di droga. Questa mossa è ampiamente considerata come politica. Secondo il Partito Comunista Cinese avvocati, la procedura è senza precedenti.

Foto: Robert Schellenberg

Pochi mesi dopo, il PCC ha condannato a morte un altro canadese, Fan Wei, per produzione della metanfetamina anche questa è stata considerata una sentenza insolitamente dura.

Il Canada ha più esperienza nella diplomazia degli ostaggi del PCC rispetto ad altri paesi. Già nel 2014, la coppia canadese Julia e Kevin Garratt sono scomparse in luoghi designati (prigioni nere). Come i due Michael, nessuno dei due aveva un avvocato, né erano tenuti in luoghi segreti. La loro detenzione era collegata alla detenzione canadese di Su Bin, un cittadino cinese: l’imprenditore aeronautico cinese Su Bin è stato accusato dagli Stati Uniti di essere una spia, e successivamente condannato a quattro anni di carcere nel 2016 per aver rubato segreti militari.

Foto: Julia e Kevin Garratt , Fonte Immagine: New York Times

Due fratelli, Chen Zhiheng e Chen Zhiyu, naturalizzati come cittadini canadesi, sono stati arrestati nell’aprile 2018 e costretti a confessare alla CCTV dei media del PCC di aver cospirato con Guo Wengui.

Fonte immagine : Twitter, Foto: Chen Zhiheng e Chen Zhiyu

Il signor Guo Wengui è l’iniziatore della rivoluzione e il becchino del PCC, che ha cercato a lungo di costringerlo a tornare dal PCC e ha esercitato pressioni privandolo della sua proprietà, diffamando e diffondendo voci. Documenti trapelati di recente riguardanti la politica di detenzione di massa del PCC contro gli uiguri nello Xinjiang mostrano che un altro canadese, Huseyin Celil, è stato detenuto in Uzbekistan nel 2005 e riportato al PCC. Da allora è stato imprigionato. Al Canada è stato negato il diritto di visitare i suoi cittadini in prigione.

Foto: Hussein Celier, Fonte immagine: Ottawa Citizen

stati Uniti

Nell’agosto 2019, Sue Jiang, una massaggiatrice che vive in Arizona, è stata portata via dalla polizia del PCC dopo che l’aereo è atterrato a Shanghai. Parenti e amici stanno ancora cercando di capire perché è stato arrestato e accusato di “provocazione”. Alcune persone ipotizzano che sia il risultato del deterioramento delle relazioni USA-Cina.

Gli americani Jacob Harlan e Alyssa Petersen sono stati arrestati nel Jiangsu alla fine di settembre 2019 con l’accusa di aver spostato illegalmente persone attraverso il confine. Gestiscono un’azienda che ha portato stranieri al Partito Comunista Cinese per insegnare l’inglese per molti anni. Solo due settimane prima di questo incidente, gli Stati Uniti hanno arrestato Liu Zhongsan, un funzionario del governo cinese, sospettato di frode sui visti. I due americani sono stati successivamente rilasciati su cauzione, ma la loro famiglia ha dichiarato di essere stati nuovamente detenuti alla fine di dicembre 2019.

Nel giugno 2018, ai cittadini statunitensi Victor e Cynthia Liu è stato vietato di lasciare il PCC, mentre la loro madre, Sandra Han, anche lei cittadina statunitense, è stata detenuta. Ovviamente stavano costringendo il loro padre separato Liu Changming a tornare in Cina per affrontare il problema delle accuse di frode.

Foto: Victor Liu e Cynthia Liu , Fonte Immagine: The New York Times

La cittadina americana Huang Wan, nuora di Zhou Yongkang, è scomparsa per 10 mesi in un luogo designato (prigione nera) nel 2013. Nel giugno 2019 le è stato permesso di lasciare il PCC, ma come la famiglia Liu, le è stato effettivamente proibito di andarsene.

Foto: Huang Wan (a destra)

Nel 2015, un altro americano, Sandy Phan-Gillis (Sandy Phan-Gillis) è scomparso ed è stato detenuto in un luogo segreto per sei mesi.

Foto: Sandy Pen Gillis , Fonte immagine: Newsweek

Il pastore John Cao, che aveva lavorato nelle scuole del Partito comunista cinese e del Myanmar, è stato condannato a 7 anni di carcere nel marzo 2018 per “aver organizzato altri ad attraversare il confine illegalmente” dopo aver aiutato gli insegnanti cinesi ad attraversare il confine in Myanmar per tenere una conferenza . Suo figlio ha detto che si trattava di un lavoro svolto con l’aiuto delle autorità. Il Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla detenzione arbitraria ritiene che, in base ai regolamenti pertinenti del Comitato esecutivo del Congresso degli Stati Uniti, sia stato arrestato arbitrariamente.

Foto: Cao Sanqiang, Fonte Immagine: vomKorea

L’uomo d’affari Kai Li (traslitterazione) è stato detenuto in un luogo designato (prigione nera) nel settembre 2016 quando è tornato a Shanghai per commemorare l’anniversario della morte di sua madre. Nel luglio 2018, è stato condannato a dieci anni di prigione dopo essere stato processato in segreto sulla base delle accuse di mettere in pericolo la sicurezza nazionale un anno fa. Ai diplomatici americani è stato impedito di partecipare al suo processo. Suo figlio ha detto che la salute di suo padre stava peggiorando in prigione.

Foto: Li Kai (traslitterazione di Kai Li),  Fonte immagine: CNN

Uno dei casi precedenti è stato l’arresto del geologo americano Xue Feng. Dal 2007 è scomparso in Cina da molti anni ed è stato torturato e imprigionato per aver rubato segreti. È stato rilasciato nel 2015 e gli è stato permesso di tornare negli Stati Uniti.

Fonte immagine: BBC

Nel 2006, il pastore David Lin è stato condannato all’ergastolo per frode contrattuale. È venuto in Cina per costruire una chiesa. La sua pena è stata recentemente ridotta e dovrebbe essere rilasciata nel 2030.

Fonte immagine

Giappone

Residente permanente in Giappone e professore alla Hokkaido University of Education, nato nel PCC, Yuan Keqin (Yuan Kevin) è scomparso quando si è recato al PCC per partecipare ai funerali dei suoi parenti la scorsa estate. Alla fine, a marzo, il PCC ha ammesso di essere stato arrestato con l’accusa di spionaggio.

Fonte immagine: rete da starnuto

Nel settembre 2019, il ministero della Sicurezza nazionale ha arrestato Nobu Iwatani, un professore di storia giapponese che si è recato al Partito comunista cinese su invito dell’Accademia cinese delle scienze. Due mesi dopo, è stato costretto a firmare una confessione, dicendo che aveva raccolto segreti di stato ed era sotto pressione internazionale, ed è stato rilasciato. Iwatani ha precedentemente lavorato presso l’Istituto Nazionale di Ricerca sulla Difesa del Ministero degli Affari Esteri e della Difesa del Giappone.

Fonte Immagine Nobuyuki Iwatani: South China Morning Post

Le relazioni tese tra il Giappone e il PCC riflettono la loro persistente concorrenza geopolitica e le controversie territoriali, che possono essere viste nel numero di cittadini arrestati sulla terraferma. I media inglesi hanno riportato pochi dettagli, ma alcuni media hanno riferito che dal 2015 9 cittadini giapponesi sono stati imprigionati o detenuti per spionaggio. Il numero effettivo è molto più alto, ma il governo giapponese è rimasto in silenzio sulla questione e raramente ha esposto le persone scomparse in Giappone nei media, rendendo difficile ottenere una comprensione più completa.

Belize

Alla fine di novembre 2019, il PCC ha dichiarato di aver arrestato un belize di nome Lee Henley Hu Xiang a Guangzhou con la motivazione che “finanziava attività criminali che mettono in pericolo la sicurezza nazionale”. È stato accusato di fornire fondi a organizzazioni anti-cinesi negli Stati Uniti e di “interferire negli affari di Hong Kong” con le truppe straniere. Il Belize ha relazioni diplomatiche con Taiwan.

Fonte immagine: Sing Tao Daily

Altro

Gli uiguri cittadini di altri paesi sono intrappolati nella rete del campo di concentramento dello Xinjiang del PCC. Dal 2017 ad oggi, sembra che solo uiguri provenienti da Turchia e Kazakistan siano stati detenuti senza procedure adeguate. Nel marzo di quest’anno, il media online statunitense Buzzfeed ha riferito che almeno sei cittadini turchi, tra cui due bambini, erano scomparsi nel territorio del Partito comunista cinese.

Ci sono anche kazaki scomparsi nello Xinjiang, ad alcuni è stato permesso di tornare ai loro luoghi originali e alcuni di loro sono stati in grado di rivelare i dettagli dei campi di concentramento, inclusi Omir Bekali e Gulbahar Jaliova, ecc.

Foto: Gulbaha Yelilova,  Fonte immagine: ABC News

Nell’agosto 2019, Simon Cheng, un cittadino di Hong Kong che aveva lavorato presso il consolato britannico nel Regno Unito, è scomparso nel PCC. Il PCC ha ammesso di essere stato detenuto per quasi due settimane. Successivamente, è stato rilasciato dopo 15 giorni di detenzione amministrativa con l’accusa di “prostituzione”. Zheng Wenjie è apparso in pubblico a novembre dopo la sua scomparsa, descrivendo come è stato trattenuto, coperto con un velo, bendato e torturato. È stato anche costretto a registrare diverse confessioni registrate, una delle quali è stata rilasciata dal PCC pochi giorni dopo aver parlato con la stampa.

Fonte immagine: Apollo

Nel 2015, Li Bo, residente a Hong Kong (titolare del passaporto britannico), è stato rapito dalla polizia segreta del PCC a Hong Kong ed è scomparso nel PCC. Li è scomparso con altre quattro persone, imparentate con una casa editrice che pubblicava libri politicamente sensibili sul massimo leader del Partito comunista cinese.

Fonte immagine: DW

Commento :

Gli esperti hanno detto: “Il PCC è un bandito e il rapimento di ostaggi è un male inerente ai geni del suo partito politico. Le azioni del PCC hanno dimostrato pubblicamente la sua natura canaglia al mondo esterno. Pertanto, come usurpatore del regime, il PCC reputazione per gli affari internazionali. Il rapimento come mezzo non è inaspettato. “La diplomazia degli ostaggi del PCC è dovuta alla sua natura canaglia.

I casi di cui sopra mostrano chiaramente che il PCC sta espandendo la portata della sua presa di ostaggi, dai dissidenti interni ai cinesi d’oltremare ai cittadini non del PCC dei paesi occidentali. Quando il governo comunista cinese spera di usare ostaggi per scopi malvagi, prende di mira principalmente i cittadini cinesi.

La “diplomazia degli ostaggi” espone le aziende straniere a rischi maggiori: qualsiasi investimento straniero che in futuro continui a operare nella comunista Cina deve pensare a fondo di lasciarlo.

Alla fine, solo i governi di tutto il mondo possono eliminare completamente il malvagio partito del PCC e tutta l’umanità sotto la minaccia del virus del PCC può essere salvata!

Link Originale

Fonte

+2
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

喜马拉雅意大利罗马达芬奇农场

欢迎战友加入喜马拉雅意大利罗马达芬奇农场,请使用官方DISCORD链接 : https://discord.gg/77fCxw5mFv 官方联络邮箱: [email protected] Mar. 11