La dichiarazione del consigliere per la Sicurezza nazionale Robert O’Brien

Traduttore: Xiaobuding Revisore:Yanhuo / Editore: Ana

Nel maggio 2020, l’amministrazione Trump aveva previsto e annunciato la fine della società libera e aperta di Hong Kong per mano del Partito Comunista Cinese (PCC). L’arresto politicizzato della scorsa settimana di oltre 50 persone, tra cui ex funzionari eletti, per aver esercitato i loro diritti politici garantiti dalla Legge fondamentale, è considerato come l’ultimo dei molti chiodi che Pechino ha piantato nella “bara della democrazia di Hong Kong”.

A maggio, l’amministrazione aveva chiesto risposte a Pechino sulle origini del virus e aveva accusato l’Organizzazione mondiale della sanità di aver consentito una copertura rimandando al PCC. Proprio come il Partito Comunisti Cinese ha ignorato i suoi obblighi internazionali ai sensi della Dichiarazione congiunta sino-britannica, l’OMS continua a farlo con il Regolamento sanitario internazionale.

Gli Stati Uniti sono stati il ​​primo grande paese con il coraggio e la convinzione di riconoscere candidamente la vera natura del regime del PCC. È fondamentale che le nazioni di tutto il mondo chiedano responsabilità a Pechino. Il mondo non può continuare a pagare prezzi elevati per la sua ingenuità e complicità nelle pratiche irresponsabili e dannose di Pechino – sia che stia ponendo fine allo Stato di diritto a Hong Kong o non cooperando con i funzionari sanitari sulla pandemia. Gli Stati Uniti stanno esaminando ulteriori opzioni per rispondere.

Fonte: https://gnews.org/zh-hans/743003/

+1
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments